Sondaggio sulla qualità delle prestazioni del TPF

Il Nuovo modello di gestione della Confederazione (NMG) è stato introdotto il 1° gennaio 2017. Per soddisfare gli obiettivi in tale ambito, il tribunale ha svolto durante il secondo semestre del 2017 un sondaggio presso gli avvocati che hanno interposto almeno un ricorso e/o partecipato a procedure dinanzi a una delle corti. Lo scopo dell’indagine è stato quello di valutare la qualità delle prestazioni fornite dal Tribunale e, se del caso, di migliorarle procedendo agli adattamenti necessari. Per garantire l’anonimato e la qualità dei dati, il sondaggio è stato eseguito in collaborazione con l’istituto M.I.S.Trend di Losanna. Il questionario di 15 domande in 3 lingue è stato trasmesso a 665 avvocati; 370 (56 %) hanno risposto.

La nota complessiva di 7,8 su una scala di 10 è da considerarsi buona. I punti di forza sono risultati essere il dispositivo delle sentenze (chiarezza ed eseguibilità; punteggio medio: 8,3) e il contatto con il personale (cortesia e disponibilità; punteggio medio: 8,7). Secondo i risultati del sondaggio, i punti suscettibili di miglioramento sarebbero la ricerca giurisprudenziale (punteggio medio: 7,2), la chiarezza e la comprensibilità della motivazione (punteggio medio: 7,2) e la ricezione della decisione entro un termine adeguato (punteggio medio: 6,9).

Questi dati nonché le osservazioni ricevute dai partecipanti verranno analizzati in dettaglio al fine di definire gli opportuni interventi per ottimizzare le prestazioni del TPF.

Risultati sondaggio sulla qualità delle prestazioni del TPF